Sostituire il cordino stendibiancheria da parete

Sostituire il cordino stendibiancheria da parete

Sostituire il cordino stendibiancheria da parete è molto semplice.

Calcoliamo la lunghezza del filo A+B+C+ ad asta abbassata e aggiungiamo circa 15 cm in più, come in foto.

Preferiamo un cordino bianco in nylon resistente, si può acquistare a metro in ferramenta o nei vari centri commerciali.

Calcolata la lunghezza singola, dobbiamo moltiplicarla per il numero di aste che possediamo.

Ecco un particolare destro e sinistro delle carrucole in plastica.

LATO DESTRO

LATO SINISTRO

Cominciamo con il piegare in due il primo spezzone di filo.

Iniziamo ad infilare i due capi liberi a destra nel mio caso, ma se vi necessita potete invertire le posizioni.

Tirate abbastanza i due fili, lasciatene penzolare uno e tirate l’altro, fino ad infilarlo nella carrucola di sinistra

Fatelo fuoriuscire facendo attenzione a non sfilare la parte della piegatura, dall’altro lato.

Magari potete farvi aiutare da una seconda persona per tenerla ferma.

Cominciamo ad infilare i due tappi laterali ad entrambi gli spezzoni di corda fermandoli dopo aver effettuato un doppio nodo come in figura.

sostituzione corda appendibiancheria (10)

Ed infiliamo l’asta da un lato e dall’altro.

sostituzione corda appendibiancheria (11)

Adesso tiriamo la piegatura del cordoncino rimasto a destra, in modo da alzare tutto il tubo in alto.

A questo punto, se malauguratamente non dovessimo avere a nostra disposizione gli anellini, perché rotti, possiamo rimediare così

Se invece possediamo gli anelli procediamo in questo modo

sostituzione corda appendibiancheria (18)

sostituzione corda appendibiancheria (19)

sostituzione corda appendibiancheria (20)

THE END.

Se questo articolo lo trovi interessante condividilo su facebook o altri social network, magari può essere utile ad altri lettori. Grazie.

Potrebbe interessarti anche questo articolo, clicca qui:

  • Paco

    Grazie per l’articolo. Mi è stato utile!

    • ripariamotutto

      Prego, ciao e buon lavoro Paco.