La forza scorre potente nella… calamita

La forza scorre potente nella… calamita

calamita2

Volete avere a disposizione una piccola e potentissima calamita per mille usi?

Vi sono cadute le chiavi nel tombino?

Volete sorprendere il vostro bimbo muovendo un cucchiaio sul tavolo? (naturalmente la calamita va mossa da sotto il tavolo)

Quando smontate qualcosa non volete come al solito che qualche vite si perda o addirittura trovarla dopo esservi caduta?

Potete attaccare e staccare con facilità quadri o posters, nella stanzetta dei vostri figli, dove ogni sei mesi li cambiano e quindi non vi ritrovate i muri forati come una gruviera!

In garage potete tenere in ordine tutti gli oggetti come chiavi, cacciaviti, pinze, ecc…

Ritornando alle viti vi siete trovati nell’esigenza di avvitarle in una particolare posizione scomoda dove prima dovete posizionarla sul cacciavite e poi avvitarla? quante volte vi è caduta? bene, attaccate la calamita al cacciavite e poi mettete la vite sul cacciavite ed avvitate pure, magari prima agitate pure il cacciavite nell’aria come per dire ” to fregata!”…. Così pure al contrario se dovete svitarla, ve la ritroverete attaccata al cacciavite.

Potete anche utilizzarla come pronto soccorso, date un “occhio” anche in questo articolo interessante : http://ripariamotutto.altervista.org/come-estrarre-piccole-schegge-di-ferro-nellocchio/

Ad ognuno di voi… chi più fantasia ha, più ne metta.

Procuratevi un vecchio hard disk, magari ce l’avete già in qualche angolino in garage o comunque si può recuperare da amici o comprarlo a pochi euro.

Smontatelo e dopo aver svitato le viti “A” e “B”, recuperate il corpo “C”, che a sua volta è formato da due piastre.

Hdd

calamite

Queste due piastre con grande stupore sono due calamite potentissime. Provate ad unirle… non riuscirete facilmente a separarle.

Ricordatevi di tenerle lontano da televisori, carte magnetiche quali bancomat, ecc… queste potrebbero smagnetizzarsi.

Mi auguro di aver arricchito la vostra fantasia, ciao e … buon divertimento!

Se ritieni che questo articolo sia interessante, condividilo su facebook o altri social network.

Magari può essere utile ad altri lettori, grazie.