Installare un ventilconvettore

Installare un ventilconvettore

Perché Installare un ventilconvettore? I motivi possono essere veramente molteplici:  il vostro ambiente non è riscaldato a sufficienza in quanto un solo termosifone non basta e dovreste aggiungere dei moduli.

Oppure sostituirlo con uno di grandezza maggiore o aggiungerne un secondo,  con relativi lavori di muratura.

Magari da qualche parte avete visto come funziona questo tipo di ventilconvettore e vi farebbe piacere installarlo ma i costi richiesti dall’idraulico vi hanno fatto cambiare idea …

Il mio input è stato quello di avere un ambiente unico di 55 mq.  dove, come da accordi con il costruttore , ho fatto fare la sola predisposizione , cioè mi sono trovato solo con due tubi di rame tappati.

Ho pensato giustamente di consultare qualche idraulico che, molto volentieri,  sono venuti per un sopralluogo… e dopo qualche calcolo matematico, pressione acqua , metri cubi ambientali, calcolatrice alla mano, avrei dovuto installare quattro termosifoni con una cifra che non vi dico!..

Allora, siccome mi conoscete già come la penso quando si tratta di sganciare anche un solo euro inutile, ho pensato di documentarmi  ed ho deciso di installare un solo ventilconvettore.

Ho acquistato tutto il necessario dallo stesso rivenditore, nel mio caso ho utilizzato due valvole a sfera, quattro fischer,  due collettori, raccordi a gomito e a tre vie  ½ X 16, qualche metro di tubo di rame da 16 mm. , stoppa e pasta idraulica.

Considerato che l’allaccio varia moltissimo in base al vostro impianto, mi soffermerò solo sul ventilconvettore.

Ciò che occorre preventivamente  pianificare è solo l’attacco dei tubi, se per voi è più pratico a destra o sinistra; in tal caso il radiatore interno è reversibile e dettagliatamente spiegato nelle istruzioni.

Nella confezione sono riportate a stampo la forma perfetta dei  fori da praticare sul muro.

Una volta aperto l’imballaggio ho notato che gli attacchi erano a sinistra e le mie esigenze erano quelle di averle a destra, ho semplicemente svitato le tre viti per lato del radiatore e l’ho invertito.

Questo ventilconvettore, ma sicuramente tutti quelli sul mercato, è provvisto di basi per l’appoggio a terra.

Ho praticato i quattro fori, al riguardo vi consiglio di leggere  l’articolo http://ripariamotutto.altervista.org/forare-senza-sporcare/ e l’ho fissato alla parete.

ventilconvettore

L’ho fissato al muro con quattro fischer  provvisti di dadi.

Due dadi in alto

ventilconvettore

Altri due in basso

ventilconvettore

Sul lato sinistro del ventilconvettore, potete notare le tre viti cerchiate in azzurro che fissano il radiatore ed il particolare dei collegamenti elettrici.

ventilconvettore

Mentre nella foto successiva i collegamenti alla rete elettrica vanno effettuate con un cavo tripolare con sezione dei fili da 1.5 mm.

Sarebbe consigliabile a monte un interruttore bipolare.

ventilconvettore

I conduttori vanno sfilati ad una lunghezza di un centimetro ed infilati con una leggera pressione.

Il conduttore giallo/verde va a massa, quello marrone alla linea “L” e quello blu al neutro “N”

ventilconvettore

 per maggiore chiarezza vi ho staccato i connettori

ventilconvettore

Passando sul lato sinistro, notiamo i particolari dell’attacco all’impianto con tubi di rame da 16 mm.

Le tre viti che fissano il radiatore cerchiate in azzurro, la valvola di sfiato e la sonda cerchiata in rosso, da inserire in seguito sul pannello frontale.

Attenzione!

Da istruzioni, all’attacco in alto del radiatore va collegato il tubo del ritorno, mentre l’attacco in basso quello della mandata.

Come identificarli?

Basta accendere il riscaldamento, aspettare qualche minuto e toccare con mano i miei tubi.

Il primo che è diventa caldo…  è la mandata!

particolari del mio allaccio ai tubi principali.

Come accennavo prima voi potreste trovarvi  difronte a diverse possibilità di allaccio. Ma sempre due attacchi sono!!!

Adesso non rimane che poggiare e fissare l’involucro con quattro semplici viti

ventilconvettore

non ho avvitato di proposito la sua mascherina in dotazione, in quanto quella superiore copre già tutto.

Anche per avere un facile accesso alla valvola di sfiato.

ventilconvettore

Inseriamo la sonda di temperatura

Ultima operazione: inseriamo il filtro che periodicamente andrà aspirato per la polvere che si deposita.

Finito!!!

ventilconvettore

RISULTATO E CONCLUSIONI:

ho utilizzato un solo ventilconvettore con lunghezza di cm. 98 cm. e 22 cm di larghezza, risparmiando così dello spazio utile che sarebbe stato occupato da altri tre termosifoni.

Ma la cosa straordinaria è che io ho risolto tenendo addirittura  la ventola a media velocità.

Adesso naturalmente non chiedetemi calcoli, metri cubi e cose varie… non sono un idraulico, l’ho realizzato, testato  e raggiunto  ottimi risultati e soprattutto ho speso solo il necessario per il materiale.

Un bel risparmio, vero?

Certo, questa soluzione non è valida per tutte le situazioni …per me lo è stata.

Idraulici ed amici, nessuno ci avrebbe scommesso sul risultato …tranne la mia famiglia che faceva il tifo!

Se questo articolo lo trovi interessante condividilo su facebook o altri social network, magari può essere utile ad altri lettori. Grazie.

Precedente Aggiungere moduli su una presa a muro Successivo Come si fa a sapere se il cronotermostato funziona
  • lakeville condo

    I have been browsing online more than 4 hours today, yet
    I never found any interesting article like yours. It’s pretty worth enough for me.
    Personally, if all website owners and bloggers made good content as you did, the web will be
    a lot more useful than ever before.

    • ripariamotutto

      thanks lakeville.

  • Francesco M

    Mi piace.
    Sono in fase di costruzione e dopo vari preventivi tra cui riscaldamento a pavimento, radiatori ecc ecc ho optato per questa soluzione non solo per una questione economica ma credo che sia la più idonea al mio caso. Considerato che sono in fase di costruzione quindi devo fare ancora massetto ecc ecc volevo sapere se ci sono degli strandard riguardo le altezze delle tubazioni incassate a parete. Dalle tue foto ho visto la predisposizione a battiscopa ma io vorrei che non si vedesse nulla.
    Grazie.

    • ripariamotutto

      Il mio ventilconvettore è posizionato volutamente ad una altezza di 60 cm. dal pavimento, in modo da sfruttare la zona bassa con un mobiletto di 40 cm. di altezza, che in foto non vedi. E’ consigliabile lasciare 10 – 20 cm. in basso per l’areazione. Tieni presente che è dotato di zoccoli d’appoggio di circa 10 cm. in modo che sia sollevato dal pavimento. Personalmente ti sconsiglierei di utilizzare gli zoccoli in caso decidessi per un posizionamento all’altezza del battiscopa, questi ti sarebbero da intralcio per la pulizia, specialmente per il passaggio della scopa o aspirapolvere. Ciao Francesco e buon lavoro.

  • Francesco

    Ciao, innanzitutto complimenti per la spiegazione dettagliata e chiarissima. Anche io dovrei installare un ventilconvettore al posto di un termosifone e volevo chiederti da quanto sono i tuoi tubi di rame e se è possibile installarlo su tubi fa 10mm …. Grazie

    • ripariamotutto

      Ciao Francesco grazie per i complimenti. In effetti sono consigliati tubi da 16 mm e considerando che i miei sono da 16 mm non ci ho pesato due volte ad installarlo. Un amico che è rimasto meravigliato dalla funzionalità del mio termoconvettore, non ha resistito ed ha voluto provare con un termoconvettore recuperato, pur avendo un impianto vecchio con tubi da 10 mm. Il risultato è stato fantastico, non so spiegarti quali coincidenze lo hanno favorito. Questo non vuol dire che nel tuo caso potrebbe andar bene. Se ti fa piacere fammi sapere…